This post is also available in: Inglese

Una vetrina che vale 75 milioni di sguardi e chissà quanti acquisti, di cui entro il 2016 potranno beneficiare molti marchi italiani della moda e del lusso. Parliamo del Dubai Mall, il più grande centro commerciale al mondo, con 1.200 negozi e 200 ristoranti su oltre mezzo milione di metri quadrati. Costruito in 4 anni con 20 miliardi di dollari dal gruppo Emaar Properties, il Dubai Mall nei prossimi due anni sarà ingrandito con 100mila metri quadrati dedicati solo a brand di alta gamma.

Oggetto del desiderio dei ricchi abitanti di Dubai (dove, come in tutti gli Emirati arabi, non esistono tasse sul reddito delle persone fisiche) e delle decine di milioni di turisti che ogni anno volano nell’emirato per turismo, business o “semplice” voglia di shopping sfrenato. I vertici di Emaar e di Emaar Malls, la business unit che ha debuttato il 2 ottobre alla Borsa di Dubai (un’Ipo record da 1,5 miliardi di dollari), sceglieranno in base all’autenticità e all’artigianalità dei marchi. Chi fosse tentato dalla delocalizzazione è avvertito: a Dubai è richiesto vero made in Italy.

Fonte: Sole24Ore