Design Dubai Fashion Council

Dopo l’annuncio della creazione della Free Zone d3, il sovrano di Dubai ha emesso il decreto n. 23 del 2013 che istituisce il Design Dubai Fashion Council (“DFC”).
Creato sotto gli auspici della Dubai Technology e Media Free Zone Authority (“DTMFZA”), gli obiettivi del DFC sono quelli di:

favorire la crescita della piccola e media impresa nel settore della moda, dell’arte e del design, stimolando di conseguenza l’incremento dell’occupazione;
di aumentare il contributo al PIL del settore;
di sviluppare la promozione di prodotti e marchi creati negli Emirati Arabi Uniti;
nonché di aumentare il turismo nel settore dell’arte, della moda e del design.
Il mandato del DFC comprende anche la progettazione e l’esecuzione di eventi e manifestazioni nei settori della moda, dell’arte e del design. Il citato decreto impone che tutte le istituzioni governative siano tenute a fornire pieno supporto al DFC, fornendo dati, statistiche ed ogni tipo di informazioni utili per l’esercizio delle sue funzioni.
Il DFC rappresenta un ulteriore passo avanti del governo di Dubai per diversificare l’economia locale attraverso il rafforzamento del settore terziario.

In termini economici, occorre ricordare che Dubai è seconda solo a Londra nel settore retail ed ospita oltre la metà dei marchi più famosi a livello mondiale.
Si stima che il giro di affari del settore del lusso, moda e design abbia superato l’importo di 23 miliardi di Dirham (circa 5.5 miliardi di Euro). Si aggiunga che anche questo settore beneficerà degli investimenti e dei ritorni positivi determinati dall’assegnazione a Dubai dell’Expo 2020.

In definitiva, con la creazione della Free Zone d3, il Governo di Dubai ha mostrato di voler investire pesantemente nella moda, nell’arte e nel design, con il chiaro obiettivo di diventare un centro di riferimento a livello mondiale anche di questi settori.